Manovra 2018: spunta l’equo compenso, ma solo per gli avvocati

31/10/2017 – Tutelare l’equo compenso degli avvocati e considerare vessatorie le clausole con un eccessivo squilibrio contrattuale.
 
A prevederlo è la bozza Legge di Bilancio 2017 che recepisce i contenuti del ddl del Ministro della Giustizia Andrea Orlando, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso agosto.
 
Equo compenso avvocati: cosa prevede la norma
La norma punta a definire una giusta remunerazione per la categoria forense, considerando “equo” il compenso “proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto” e al “contenuto e alle caratteristiche della prestazione legale”, secondo i parametri previsti da un apposito regolamento adottato dal ministero della Giustizia, in attuazione della riforma della professione forense (Legge 247/2012).
 
La Manovra 2018 specifica anche che sono considerate vessatorie le clausole che determinano, “anche in ragione della non equità..
Continua a leggere su Edilportale.com

Powered by WPeMatico