Appalti, l’integrazione dei documenti è consentita anche dopo l’apertura delle buste

17/09/2019 – Nelle gare d’appalto non esiste una divisione netta tra la fase di ammissione e quella in cui vengono aperte le buste con le offerte economiche. Con la sentenza 6013/2019, il Consiglio di Stato ha affermato che l’accertamento dei requisiti e la richiesta di integrazione dei documenti di gara possono avvenire in qualsiasi momento.
 
Appalto e fasi della gara, il caso
Il caso preso in esame riguarda una procedura negoziata per l’affidamento di lavori di manutenzione ordinaria di un impianto idrico e delle infrastrutture ad esso collegate.
 
Durante l’esame della documentazione, la Stazione appaltante aveva rilevato che un concorrente aveva presentato una polizza provvisoria relativa ad una diversa gara. Aveva quindi attivato la procedura del soccorso istruttorio per consentire la trasmissione del documento corretto.
 
Di seguito, la commissione di gara aveva disposto l’apertura delle buste economiche e poi sospeso la..
Continua a leggere su Edilportale.com

Powered by WPeMatico